Caro navigatore che hai avuto l'incredibile fortuna di far naufragio sul mio blog, sei il benvenuto. Questo blog e’ qui per raccontarti un po’ di me attraverso la passione che ho per il cinema ed in particolare per quello amatoriale di viaggio. Non che mi aspetti che la cosa sia di alcun interesse per chiunque non mi conosca gia’. Condividere la nostra esperienza, significa offrire ad altri la possibilità di conoscerci così come noi ci percepiamo riscoprendo il nostro valore. Ci permette inoltre di trovare cose comuni e punti di contatto sentendosi così vicini e sviluppando sentimenti di unione. Il filmmaker è colui che realizza un corto, un documentario, uno spot pubblicitario, oppure realizza un prodotto audiovisivo curando tutte le fasi della realizzazione, dalla progettazione alla sceneggiatura, alle riprese, al montaggio. Una delle più importanti scoperte che feci ancora all'epoca in cui frequentavo le superiori è che il film è il più potente mezzo di comunicazione personale esistente sul pianeta. Nella propria tavolozza creativa, il film dà spazio a tutte le arti come fossero colori ben distinti: fotografia, musica, grafica, scrittura, belle arti, illustrazione, studi visivi e critici ecc. Il modo in cui un filmmaker miscela questi colori gli consente di imprimervi la propria firma, unica come la sua impronta.


Informazioni personali

La mia foto
Busto Arsizio, Varese, Italy
Bolognese d'origine, trapiantato in Lombardia . Tra me ed i miei interessi c'è una correlazione talmente stretta che non saprei dire dove finiscano gli uni e cominci io o viceversa. Tra questi interessi prediligo la settima arte, mi piace un sacco imprimere in una ripresa un’azione, un momento di vita, quello che il mondo ci offre di bello e di brutto; diceva François Truffaut « Fare un film significa migliorare la vita, sistemarla a modo proprio, significa prolungare i giochi dell'infanzia »

sabato 18 giugno 2011

Braga (Portugal) - Festa di San Giovanni Battista

Fra una settimana, e precisamente il 24 Giugno, ricorre la commemorazione di San Giovanni Battista.
A Braga, città che si è mantenuta fedele alla secolare tradizione religiosa, la vigilia di questa ricorrenza si rivive intensamente tutti gli anni  anche per il fatto che il santo è il patrono della città.
Questa clip costituita da scene tratte dal mio film “Dove l’Europa incontra l’oceano”, inizia con la salita al Santuario de Bom Jesus che si trova sulle alture che circondano la città.
Il santuario può essere raggiunto a piedi, automobile o funicolare, notevole opera di ingegneria del XIX secolo. Fu la prima funicolare a essere installata in Portogallo, nel 1882, e lavora ancora con un sistema ad acqua per superare un dislivello di 300 metri in tre minuti.
Il Santuario fu progettato da Carlos Amarante (1748), che privilegiò lo stile neoclassico di ispirazione italiana, inserendo l’imponente chiesa nell’armonia del paesaggio del nord del Portogallo. La scalinata che conduce in cima è formata da 17 pianerottoli decorati da fontane simboliche, statue allegoriche e altre decorazioni barocche con tematiche diverse.
Ridiscesi in città si può godere dei giochi d’acqua delle numerose fontane, mentre gruppi folkloristici e bandistici si esibiscono in strade e piazze, che all’ora di cena si riempiono di tavolate di cittadini e turisti pronti a gustare il pesce cotto alla griglia, ed in particolare le sarde.
La giornata si conclude con la sfilata dei gruppi folkloristici e bandistici che hanno allietato la giornata della vigilia della Festa di San Giovanni in quel di Braga.

video

lunedì 13 giugno 2011

Il viadotto elicoidale di Brusio

La ditta inglese General Water Power Limited ottenne nel 1899 la concessione per la costruzione della Ferrovia del Bernina, da St.Moritz a Tirano, collegando così la località mondana all’intera rete europea. I lavori furono completati nel 1910 ma solo negli anni ‘40, contemporaneamente alla Bellinzona-Mesocco, la Ferrovia del Bernina, il cui elemento architettonico più emblematico è il viadotto elicoidale di Brusio, entrò a far parte della “Viafier retica”,una delle più vaste reti ferroviarie a scartamento ridotto del mondo. Prima dell’inizio della Grande guerra le principali vallate erano state raggiunte dalla ferrovia. L’allacciamento della RhB alla Ferrovia Visp-Zermatt e alla Furka-Oberalp creò nel 1930 il Glacier-Express, collegamento turistico ininterrotto di 291 km.
Gli ingegneri coinvolti, fra cui Hans Studer, spesso poco conosciuti dal grande pubblico, eseguirono progetti che rispettavano il paesaggio e ne valorizzavano gli aspetti a fini turistici. Grazie a loro i Grigioni possono promuovere un territorio unico al mondo, caratterizzato da un paesaggio bellissimo all’interno del quale scorrono i famosi “trenini rossi” che lo rendono ancora più caratteristico. La RhB è un capolavoro della tecnica in perfetta armonia con l’ambiente, un pezzo di bravura dell’era pionieristica ferroviaria e un esempio di gestione del paesaggio di alta montagna. È diventata un monumento culturale vivente di indubbia qualità che giustifica ampiamente l’inserimento della “Ferrovia Retica” nel patrimonio mondiale dell’UNESCO. 
Nei miei precedenti post: "Gallery" e "Movimenti di macchina", altre scene riprese dal Bernina Express.

video

sabato 11 giugno 2011

Le grotte marine di Marettimo (Sicily)


Le Egadi sono l'area marina protetta più estesa d'Europa. Nelle acque di Marettimo, la più lontana delle Egadi, la più alta, la più montuosa, la più selvaggia, si trova la zona A di riserva integrale. Il periplo completo dell'isola regala forti emozioni: il panorama cambia di continuo e i riflessi dorati del sole danno risalto alle rocce e all'infinita gamma di colori del mare.

video
Dal Film "Orizzonti Egusei"

venerdì 10 giugno 2011

Il cannone del Gianicolo (Roma)

Una tradizione che da più di un secolo, sia pure con alcune interruzioni, è in voga a Roma è quella di segnare l'ora mezza con un colpo a salve di cannone. La consuetudine iniziò per decisione di Papa Pio IX il primo dicembre 1847: il Pontefice, per evitare che le tante chiese e parrocchie della città suonassero il mezzogiorno con discrasie dovute ai diversi parroci che le governavano, decise di "sincronizzare" le campane romane proprio con questo sistema, posizionando un cannone nella terrazza più alta di Castel Sant'Angelo. Poco tempo dopo il cannone venne spostato al piano terra del Castello, e qui rimase a svolgere il suo compito  fino al 1903, per poi trasferirsi sulla collina di Monte Mario e - infine - nel gennaio del 1924 in cima agli 82 metri di uno dei sette colli, il Gianicolo, dove tutt'ora si trova.

video
Dal cortometraggio "Roma'96"

mercoledì 8 giugno 2011

Filmare la natura


Come ho già fatto il mese scorso, per stemperare l'aspetto didattico dei miei post e per deliziare i "viaggiatori e non" che seguono il mio blog, per qualche settimana posterò alcune clip. Inizio con alcune scene ricavate dal Film "Emozioni africane" del 2007 ( 60 min), di cui ho curato la postproduzione. Le riprese sono state effettuate da mio figlio e mia nuora.


video
Le cascate Vittoria


video
Canoing sullo Zambesi


video
Incontri ravvicinati

video
La savana

sabato 4 giugno 2011

Vacanze e bambini

Siete pronti per partire ? Accertatevi che la videocamera e i relativi accessori (batterie, carica batterie, filtri, microfoni aggiuntivi, treppiede ecc.) siano in perfette condizioni. E’ meglio partire con i pacchi batteria già carichi, un consiglio: se avete solo il pacco batteria fornito con la videocamera procuratevene un altro, se non due, in questo modo non vi troverete con il problema di non poter filmare perché siete rimasti senza la fonte di energia. Lo stesso dicasi per i nastri (nel caso abbiate ancora una videocamera RVM o MiniDV) o per le schede di memoria flash.

Durante le vacanze è consigliabile proteggere l'attrezzatura seguendo alcune regole:
-tenere la videocamera lontana dall'umidità e dal caldo eccessivo
-evitare tassativamente di lasciarla in macchina o esposta direttamente al sole;
-se possibile, evitare sbalzi di temperatura;
-i nemici peggiori sono la sabbia, la polvere e l'acqua, proteggetela (magari con le custodie apposite);
-è buona abitudine avvitare sull'obiettivo un filtro UV.

Per poter avere del buon materiale da mostrare al rientro dalle vacanze ricordatevi quello che ho già scritto: preparatevi prima della partenza documentandovi sui posti che andrete a visitare. Ogni meta ha infatti le proprie caratteristiche: riuscire a trasmetterle a i vostri spettatori dipenderà dall’ abilità con la videocamera.
Un'indicazione generale : se potete, aspettate per fare le riprese, il momento della giornata che offre la luce ottimale.
Poniamo ad esempio, che dobbiate riprendere un panorama montano, è consigliabile un'illuminazione solare leggermente obliqua, evitando il sole in verticale.
Quando visitate una città, oltre a monumenti e piazze, altri spunti di ripresa possono essere i mercati, le parate, scene cittadine, scene notturne, elementi questi che aggiungono colore e movimento ai video.
La vita notturna rappresenta un soggetto attraente e di effetto sullo spettatore: piazze e palazzi illuminati rendono lo scenario suggestivo ( un esempio nella clip che segue)

video
Marocco: Fez e Marrakech

Molti di voi andranno in vacanza con i bambini:
La videocamera è insostituibile per documentare oltre ai momenti più significativi della loro vita ( i primi passi, i giochi, il momento del bagnetto), anche come vivono le vacanze con voi.
Ecco alcuni consigli:
-riprendere in modo continuo, per avere uno sviluppo naturale della scena;
-mantenere la posizione della videocamera per quanto possibile all'altezza del bambino;
-usare lo zoom per seguire in modo discreto i suoi movimenti spontanei.
Quando i bambini crescono, diventano coscienti di essere ripresi e cominciano a recitare; è quindi necessario essere abili nel riprendere tutto, anche le smorfie buffe, o gli sberleffi fatti mentre guardano l'obiettivo.

Qui di seguito una clip con alcune scene di un mio vecchio filmato delle vacanze in Super8: "Dal Catinaccio alla Marmolada" (1981).
video




mercoledì 1 giugno 2011

2 Giugno 2011 - Anniversario

Giusto 40 anni fa realizzavo le riprese per uno dei miei primi filmati, lo potete vedere nel post "Esempio di digitalizzazione di una pellicola in Super8".
Colgo l'occasione per postare questa clip informativa di come si possono salvare i documenti filmati del passato.


Chi segue il mio Blog